Home / DI COSA PARLIAMO / Associazioni / Mondo d'amore Dialisi - Un pulmino che ha bisogno di volontari

Mondo d'amore Dialisi - Un pulmino che ha bisogno di volontari

Il prezioso impegno e le difficoltà della giovane associazione varesina Mondo d'amore Dialisi che si dedica alle persone dializzate.

Scarsa visibilità e considerazione. Difficoltà nel mantenere un servizio  svolto da pochi, troppo pochi, nell’assoluto volontariato. Eppure il numero dei pazienti sottoposti a dialisi è considerevole, nella sola provincia di Varese riguarda diverse centinaia di famiglie.
"Con un gruppo di amici abbiamo fondato nel 2010 un’associazione di volontariato denominata “Mondo D’amore Dialisi”. Pur essendo una realtà giovanissima abbiamo già ricevuto numerose adesioni e richieste, principalmente dializzati, che grazie ai nostri volontari possono usufruire di un supporto ed un aiuto concreto alle loro esigenze”.

Il racconto è di Marilena Flecchia, presidente dell’Associazione “Mondo d’Amore Dialisi” di Tradate.
"La nostra associazione è dedicata all’aiuto alle persone dializzate, attraverso l’assistenza nel trasporto verso i centri dialisi, l’assistenza domiciliare, l’assistenza alla persona, un supporto psicologico e l’organizzazione di iniziative culturali, ludiche, ricreative e dei soggiorni vacanza, proprio al fine di rendere più accettabile la vita di coloro i quali necessitano costantemente di sottoporsi alla dialisi.”

 

- La voce “trasporti” è tra quelle economicamente più penalizzanti per ogni realtà del sociale. Figuriamoci per chi come voi ha proprio nel trasporto l’attività di base.

«In effetti è così. Ecco perché organizziamo delle iniziative per farci conoscere e trovare strada facendo nuovi amici e sostenitori. Incontri con terapeuti, serate di aggregazione con spettacolo, soggiorni estivi e molto altro».

 

- Con le croniche carenze dell’assistenza pubblica, ai volontari viene chiesto sempre di più...

«Questo è uno dei motivi per cui si fa sempre più  fatica a trovare persone disponibili a donare il proprio tempo libero. L’esigenza maggiore dei dializzati è sì quello di avere un servizio puntuale per l’accompagnamento presso le strutture ospedaliere per la dialisi, ma anche per le visite. Nel nostro piccolo, al momento siamo in grado di soddisfare queste necessità grazie anche al pulmino da 7 posti che ci è stato donato dall’Associazione ‘Noi Camionisti’. I numeri sono però in crescita e non so fino a quando ce la faremo. L’impegno di alcuni di noi con i dializzati è iniziato oltre venticinque anni fa. Da allora abbiamo donato e doniamo le nostre ferie per portare in vacanza i pazienti. Le motivazione e la determinazione sono le stesse di allora, ma sempre più spesso affiora la stanchezza o peggio, di cadere nello sconforto».

 

- Anche nella vostra attività primaria c’è il problema della scarsa informazione o forse è più corretto dire della mancanza d’abitudine nel cercare un aiuto o un servizio utilizzando un mezzo universale come internet.

«Sono vere entrambe le cose: per la nostra associazione sarebbe un bel salto di qualità disporre di un sito completo di informazioni e indicazioni in grado di diventare un semplice mezzo di riferimento per pazienti e famiglie. Un forum con scambi di idee, esperienze, situazioni ambientali ed altro. Prima o poi riusciremo a dotarci anche di quello anzi, se c’è qualcuno che può aiutarci non esiti a contattarci (Info: mondodialisi@live.it)».

Roberto Bof

Lisdha news, n. 78, luglio-settembre 2013

17/11/2013