Home / DI COSA PARLIAMO / Sport / Il Vharese più bello!

Il Vharese più bello!

Lo sport per tutti promosso dalla onlus varesina.

L’Associazione Polisportiva Dilettantistica per Disabili Vharese  onlus  è  una realtà attiva da molti anni sul territorio provinciale, opera con l’obiettivo  di praticare attività motorio-sportive per giovani/adulti che presentano un ritardo nell’apprendimento,  con la possibilità di partecipazione a manifestazioni sportive locali e nazionali.  Il Vharese crede che lo sport ha un importante valore educativo con una   importante funzione di integrazione e di aggregazione sociale. 
Nell’anno 2012 il Vharese ha offerto ai propri soci la possibilità di praticare nuoto, basket, bocce, calcetto a 5 e dal mese di ottobre  si è aggiunta  un’attività sperimentale di nuoto sincronizzato, grazie al contributo del Rotary Club Laveno Luino Alto Verbano e Rotaract,  con allenamenti settimanali o bisettimanali.
Accanto alle attività sopra elencate, il Vharese continua a promuovere nelle scuole secondarie  iniziative di sport proponendo progetti specifici che partono dalla consapevolezza che per un ragazzo/ragazza adolescente  e le loro famiglie è difficile far praticare sport in quanto i livelli di competizione che vengono richieste dalle altre associazioni sportive sono troppi elevati e diventa necessario far conoscere queste tipologie di associazioni per permettere a chi di continuare ed ad altri di iniziare.
A da questa idea che il Vharese da diversi anni collabora con il Centro di Formazione Professionale ed Inserimento Lavorativo dell’Agenzia Formativa della Provincia di Varese (Cfpil) come ad un contesto privilegiato in cui promuovere progetti di avviamento allo sport per gli allievi frequentanti percorsi formativi in obbligo scolastico.
Da diversi anni, quindi, gli allievi del CFPIL frequentano (è un’attività riconosciuta come orario scolastico) le palestra e la piscina del Vharese, scegliendo l’attività a loro più congeniale, ma da quest’anno il progetto, “a Varese con il Vharese si impara lo sport”, grazie alle buone collaborazioni con varie associazioni ha delle velleità in più.
Il Vharese ha  candidato il Progetto sul Bando Provinciale biennio 2012/2013,  che sostiene iniziative proposte dalle associazioni di promozione sociale,  costruendo il  progetto con due importanti associazioni del territorio con l’obiettivo di trovare spazi:  facendo fare sport  con  l’Associazione “Amici del Campetto” che  nelle manifestazione ed eventi sportivi della loro programmazione propone  la partecipazione della squadra di Basket del Vharese  composta anche dagli allievi del Cfpil a partite dimostrative o partite integrate  e facendo vedere lo sport  con l’Associazione “Sestero” che permette la  partecipazione  di eventi sportivi di pallacanestro, basket e calcio dove gli atleti del Vharese e gli allievi del Cfpil  sono invitati alle partite di campionato dove oltre a divertirsi e passare piacevoli momenti insieme di socializzazione si offre occasioni per parlare di disabilità sport ed integrazione. Ma la rete delle collaborazioni non finisce ed altre realtà contribuiscono alla buona riuscita del progetto come l’Unione Italiana Sport per Tutti  (Uisp) – che offre la sua collaborazione alla gestione di un torneo di basket con altre associazioni sportive per disabili,  il Comune di Varese – che offre l’utilizzo gratuito della palestra per gli allenamenti del calcetto a 5, della Pallacanestro Varese  con l’utilizzo del Palazzetto, e dell’Associazione Banca Telematica della Solidarietà Bts che, in occasione di eventi e feste offre quanto necessario per merende per tutti i partecipanti.
E’ importante ricordare che in questo progetto è coinvolta la Medicina Sportiva dell’Asl che permette, prima dell’avvio delle attività sportive effettua una visita specifica di idoneità allo sport scelto da ogni allievo.
In concreto la proposta, iniziata ad ottobre 2012, che si concluderà  nel mese di giugno 2013 con una trasferta sportiva presso il Centro NaturAbile di Varallo Pombia della durata di 3 giorni,  vede  i 33 allievi del Cfpil,  divisi in 3 gruppi di interesse (nuoto, basket e calcetto a 5) una volta alla settimana frequentare  gli  allenamenti  insieme agli atleti del Vharese.
Questa modalità di avvicinare giovani disabili  ad un’associazione sportiva  attraverso la mediazione di una struttura scolastica, conosciuta e che si fa da garante dell’iniziativa, può aiutare a superare eventuali resistenze e fatiche sia degli allievi che delle famiglie.
Lo sport è un bene che interessa la salute, la qualità della vita, l’educazione e la socialità, valori che vengono prima dei risultati e che, anzi, “danno valore” ai risultati stessi: lo sport è un bene che va promosso, incentivato e tutelato.

 Roberto Bof

Lisdha News n 74, luglio-settembre 2012

03/12/2013