Home / I NOSTRI ESPERTI / Avvocato risponde / Contributi regionali / Contributi per famiglie fragili in Lombardia

Contributi per famiglie fragili in Lombardia

Mia moglie (casalinga) accudisce la madre di 85 anni con Alzheimer, mentre mia suocera percepisce l'indennità di accompagnamento, in quanto le viene riconosciuta un’invalidità grave. Mi chiedevo se fosse possibile fare domanda all'Ats di Brescia per poter ottenere l'assegno, che ho letto essere anche di mille euro al mese, dato che mia suocera risiede con noi.

Lettera firmata

I destinatari del buono di mille euro previsto dalla Regione Lombardia sono persone in condizione di dipendenza vitale, con compromissioni gravissime nell’ambito della motricità, stato di coscienza, respirazione e nutrizione che hanno necessità di assistenza continuativa e di monitoraggio nelle 24 ore delle condizioni di salute. Non sono in grado di dirle se il caso di sua suocera rientra in questo tipo di provvidenza economica. Le consiglio di contattare l’Ats di Brescia e richiedere un colloquio con l’Assistente Sociale di riferimento per valutare se vi sono gli estremi per la dipendenza vitale. In caso di esito negativo può sempre chiedere all’Assistente sociale del comune di residenza il buono sociale mensile a favore delle persone con disabilità grave e per anziani non autosufficienti erogato dai Comuni.

21/07/2016